about

Dal 2005, partecipa a numerosi concerti e spettacoli in diversi paesi:  Gli Stati Uniti d'America (Lincoln Center Alice Tully Hall e Carnegie Hall), Italia (Festival Puccini di Torre del Lago, Teatro Verdi di Busseto e Teatro Regio di Parma), Germania (Staatsoper di Berlino, Elbphilharmonie ad Amburgo), Austria (Ronacher Theater di Vienna), Bulgaria (National Radio Hall, Studio 1 a Sofia, e Varna opera House),  Guatemala (Teatro Nazionale), Nicaragua (Teatro Rubén Darío), Costa Rica (Melico Salazar), Panama (Anayanci), Cina: National Centre for the Perfoming Arts NCPA, Century Theater (Beijing), Qintai Concert Hall (WuHan), Science and Cultural Art Center (Suzhou), Jiansu Centre for the Performing Arts JCPA.

 

Vari sono i ruoli debuttati con successo: W. A. Mozart: Don Giovanni (Donna Elvira), Così fan tuttte (Fiordiligi), G. Verdi:  Ballo in Maschera (Amelia), G. Puccini: Tosca e Suor Angelica, La Bohème (Mimi), Turandot (Liù), P. Mascagni: Cavalleria Rusticana (Santuzza), Tang Jianping: 170 days in Nanjing (Minnie Vautrin). Ha collaborato con Direttori quali Keri-LynnWilson, Valerio Galli, Paul Nadler, Jonathan Griffith, Mario Perusso, Nicoletta Conti, Marco Beretta,  Zhong Xu.

 

Partecipa nelle celebrazioni ufficiali del centocinquantenario dalla Nascita di Arturo Toscanini, diversi recital con la “Fondazione Pavarotti” e concerti per il centesimo anniversario per la nascita di Renata Tebaldi (Tebaldi100). Collabora con il Teatro Regio di Parma, nel progetto  “Imparolopera” con le riduzioni delle opere: Un ballo in maschera (Amelia) e Nabucco (Abigaille) e  in diversi eventi e concerti in occasione del Festival Verdi. Nel 2019 canta il ruolo di Minnie Vautrin nell'opera “170 days in Nanjing, the diaries of Jhon Rabe”, essendo la prima cantante occidentale a cantare un ruolo principale in lingua cinese.

Vince il secondo premio alla prima edizione del concorso “Marmo all'Opera”, con Giovanna Casolla come presidente della giuria, e si aggiudica anche il premio per la migliore interpretazione, conferito dall'Accademia delle belle arti di Carrara. Vincitrice del premio “Opera Nova” (Ruolo di Floria Tosca) alla seconda edizione del “Bologna International Voice Competition”, del terzo posto alla XXXIII edizione del concorso “Ismaele Voltonini”. È stata finalista in diversi concorsi, tra i quali: “Città di Bologna”, “Bellano Città degli Artisti” . Dopo il debutto come Mimì (La Bohème), riceve dall'associazione “Dante Alighieri” in Guatemala, un riconoscimento speciale per la Esecuzione Storica dell'Opera Italiana in questo paese, e il Roconoscimento all'Artista del Anno 2006 della Associazione culturale “Vicenta Laparra de la Cerda”.

 

Nata in Guatemala, ha iniziato i suoi studi privatamente alla giovane età di 17 anni. Studia canto preso il Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma sotto la direzione del soprano Lucetta Bizzi e si perfeziona con il soprano Patrizia Orciani.  Nel corso dei suoi studi ha partecipato in diverse masterclass: con Rolando Panerai, Aprile Millo, Raina Kavaivanska, Katia Ricciarelli, Fiorenza Cedolins e Giovanna Casolla.

 

"Straordinaria il soprano Ana Isabel Lazo, Santuzza del Bitonto Opera Festival 2022, vittima della passione mai sopita del suo Turiddu...".

 

df

Daniele Martini

Giornale di Puglia, settembre 2022

Cavalleria Rusticana, Bitonto Opera Festival, Italia.